PRENOTAZIONI

Contattaci
per prenotare una visita negli studi di VERONA
o DESENZANO DEL GARDA.

La cefalea rinogena

La cefalea può essere una patologia a carattere ereditario, ed insorgere senza apparenti motivi.

Tuttavia molti pazienti affetti da cefalea ricorrente presentano delle patologie nasali che possono essere la vera causa del problema.

In tali casi si parla di CEFALEA RINOGENA: ciò significa che delle alterazioni a carico delle strutture nasali creano una spina irritativa che stimola le terminazioni nervose causando gli attacchi di mal di testa.

Le patologie nasali più comunemente coinvolte nella genesi di una cefalea rinogena  sono in genere:
 

  • la SINUSITE CRONICA
  • il CONFLITTO TURBINO-SETTALE
  • la CONCHA BULLOSA


SINUSITE CRONICA 

Il focolaio infiammatorio e le alterazioni della pressione nei seni parnasali, con conseguente compressione o stiramento dele terminazioni nervose, sono all'origine di uno stimolo dolorifico che fa scattare il mal di testa nei soggetti predisposti.


Sinusite cronica poliposa


CONFLITTO TURBINO-SETTALE

Si tratta di una situazione antomica in cui, all'interno del naso, uno sperone osseo  che origina da una deviazione del setto nasale preme con forza contro la superficie del turbinato inferiore.
Il turbinato fisiologicamente  va incontro a dei rigonfiamenti periodici legati al cosiddetto CICLO NASALE.
Durante tali fasi la mucosa del turbinato schiacciata dallo sperone osseo, va incontro ad un'ischemia e causa la genesi di violenti impulsi dolorifici che provocano il mal di testa.


 

Conflitto turbino-settale nella cavità nasale sinistra 

CONCHA BULLOSA 

Si tratta di una malformazione del turbinato medio relativamente frequente.
La concha bullosa si genera per un'anomalia  durante la formazione dei seni paransali.
In tal caso l'osso del turbinato medio  viene invaso da una bolla di aria che lo gonfia a dismisura, causando un blocco della zona del naso definita “meato medio”  ed  una compressione contro il setto nasale e contro la parete laterale del naso:
Ancora una volta la compressione meccanica delle terminazioni nervose sta alla base della genesi del mal di testa.

 

 

Concha bullosa destra




COSA SI DEVE FARE?

Nei casi di mal di testa persistente, specie se insorgono prevalentemente da un lato, occorre eseguire un esame rinologico e verificare l'eventuale esistenza di un focolaio che potrebbe scatenare il disturbo.

L'esame endoscopico otorinolaringoiatrico viene in genere completato con uno studio TAC che conferma il sospetto diagnostico.

Nei pazienti che presentano un sospetto di cefalea rinogena la correzione chirurgica del problema porta nell'80% dei casi alla scomparsa o ad una notevole riduzione dei mal di testa.