F.A.Q. Allergologia

L’allergia è una malattia ereditaria?

R: in realtà chi ha parenti allergici o asmatici ha una maggiore predisposizione a sviluppare un’allergia, ma non è detto che ciò accada.

Lo stile di vita influenza l’andamento dell’allergia?

R: Si. Chi soffre di un’allergia ha un continuo “ribollire” del sistema immunitario che produce una serie di scorie flogistiche, sovraccaricando molto l’organismo. Uno stile di vita sano, una corretta alimentazione ed idratazione sono di grande aiuto nella gestione della malattia.

L’allergico è più predisposto a reazioni da vaccino?

R: In realtà il corpo dell’allergico tende a reagire a volte in maniera spropositata alle sostanze con cui viene in contatto. E’ opportuno essere prudenti nelle vaccinazioni di allergici ed eseguirle solo se necessarie ed in ambiente protetto.

Le allergie e le intolleranze sono la stessa cosa?

R: No. Le intolleranze si basano su meccanismi biochimici diversi da quelli delle allergie e necessitano di esami diagnostici e cure differenti.

L’allergia ai farmaci è pericolosa?

R: Assolutamente si. E’ pericolosissima. Se notate strane reazioni anche fugaci sulla pelle o sulle mucose dopo avere assunto farmaci o somministrato farmaci ai bambini avvertite il vostro medico e non assumetele più per alcun motivo senza controllo medico. Spesso le intolleranze ai farmaci esordiscono infatti in modo blando per poi dare gravissimi quadri, anche mortali alle assunzioni successive. Tra i prodotti più “pericolosi” ci sono alcuni tipi di antibiotici e di antinfiammatori.

Posso cercare di “prevenire” l’insorgenza di allergie nel mio bambino?

R: Tornando alla “teoria igienica” sarebbe opportuno fare vivere i nostri bambini in maniera naturale, a contatto con la natura, limitando l’uso di disinfettanti, evitando l’abuso di antibiotici, alimentandoli in maniera naturale.

Chiudi
it_ITItalian
it_ITItalian