Coronavirus (Covid-19): aggiornamento del 25 febbraio 2020

Come già previsto nel precedente post, anche in Italia si sono verificati alcuni focolai di infezione che, seppur con numeri crescenti, sembrano restare geograficamente limitati.

Al momento non si può parlare di una diffusione epidemica.

Come noto, non esiste una terapia specifica per il trattamento dell’infezione da coronavirus.

Il coronavirus umano è l’agente del comune raffreddore (common cold) con il quale noi specialisti dobbiamo confrontarci annualmente poichè colpisce particolarmente i bambini ed è uno degli agenti patogeni responsabili delle I.R.R. (Infezioni respiratorie ricorrenti).

La frequente esposizione dei bambini al coronavirus umano probabilmente crea una sorta di “abitudine immunitaria” nei confronti di questa classe di virus e potrebbe spiegare il paradossale dato epidemiologico che mostra uno scarso coinvolgimento della fascia di popolazione pediatrica nell’epidemia in corso.

Il covid-19 è un coronavirus animale mutato, quindi ignoto al nostro sistema immunitario, che non possiede anticorpi specifici contro questo agente patogeno.

Esistono tuttavia una serie di presidi biologici che possono essere di aiuto e agiscono con due meccanismi d’azione :
• rendendo più difficile l’infezione, cioè l’attecchimento del virus sulle mucose respiratorie
• migliorando la risposta dell’immunità innata tramite un aumento dei linfociti Natural Killer.

I linfociti Natural Killer sono cellule del sistema immunitario in grado di attaccare anche virus sconosciuti, prima che sia avviata la produzione di anticorpi. La loro azione può indebolire il virus e portare ad un decorso molto più mite della malattia.

Le indicazioni che seguono si compongono di prodotti biologici, privi di effetti collaterali adatti ad adulti e bambini.
Non ritengo opportuno che tutti indiscriminatamente eseguano questa profilassi, poiché sarebbe un inutile spreco di risorse economiche per chi si trova in zone prive di focolai.

Al momento consiglio di avviare la profilassi per le prossime due settimane esclusivamente ai miei lettori che si trovano nelle aree interessate dall’infezione in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte.
Raccomando di non assumere i prodotti a dosaggi o per periodi diversi da quelli indicati.

Adulti
• Euphorbium compositum spray: due spruzzi per narice al mattino prima di uscire di casa da ripetere nel pomeriggio alle ore 15
• Viusid: 1 bustina dopo colazione
• Guna Interferon gamma 4 ch : 20 gocce di ogni tipo da assumere a digiuno mattino e sera

Bambini
Considerato lo scarso coinvolgimento epidemiologico dei bambini, consiglio di eseguire la prevenzione solamente su soggetti deboli, frequentemente malati o affetti da patologie debilitanti e/o polmonari (asma) a partire dai 3 anni di età
• Euphorbium compositum spray: due spruzzi per narice al mattino prima di uscire di casa da ripetere nel pomeriggio alle ore 15
• Nk reg granuli: sciogliere 4 granuli in bocca a digiuno una volta al giorno.

Seguiranno ulteriori aggiornamenti.

Condividi